skip to Main Content

FILOSpot per dare più visibilità ai protagonisti di FILO

La pubblicità è l’anima del commercio, si diceva un tempo. Oggi, i manuali di marketing sono lì a ricordarci che visibilità e riconoscimento del marchio da parte dei potenziali clienti sono una delle chiavi per il successo di un’impresa competitiva. Partendo da questa consapevolezza, FILO propone a tutti i suoi protagonisti (aziende espositrici, visitatori, stampa) un nuovo servizio – FILOSpot – che prenderà il via con la prossima edizione della fiera dell’8 e 9 ottobre 2014.

Le aziende, i visitatori, le riviste specializzate (e non) presenti a FILO potranno lanciare i loro messaggi promozionali o pubblicitari – destinati al pubblico dei rispettivi potenziali clienti – inserendoli in appositi spazi dedicati e situati in alcuni punti strategici dell’area espositiva all’interno del Centro Congressi Le Stelline. Proprio per dare il massimo risalto agli annunci delle imprese che vorranno approfittare di questa iniziativa, gli spazi dedicati ai FILOSpot sono stati individuati dall’organizzazione di FILO tra quelli di maggior passaggio del pubblico, e dunque risultano ben fruibili da tutti coloro che visitano il salone.

Per avere tutti i dettagli sul nuovo servizio, a partire dalle dimensioni consigliate dell’annuncio e dai costi dell’operazione, si può contattare la segreteria di FILO alla mail info@filo.it oppure al numero telefonico 015 8483 271

 

Macchine tessili: uno sguardo sul futuro della filiera

Lo stato di salute di un importante settore industriale del made in Italy – il meccanotessile – è stato al centro dell’assemblea annuale di Acimit, l’associazione imprenditoriale di categoria. La presidente Raffaella Carabelli ha illustrato i risultati del settore nello scorso anno e ha poi presentato uno studio sul futuro del commercio internazionale di tessile-abbigliamento.

Nel 2013 la produzione di macchine tessili è scesa del 6% rispetto al 2012, per un valore di 2,3 miliardi di euro. Pesa sui risultati un mercato interno stagnante e la flessione dell’export (-5%), dovuta alla debolezza dei principali mercati esteri (Cina e India), a cui si è aggiunto l’effetto prodotto dall’apprezzamento dell’euro nei confronti di alcune valute locali.

Lo studio commissionato dall’Osservatorio Acimit 2014, invece, propone uno scenario a medio termine (2020) che conferma la leadership assoluta della Cina nel commercio mondiale del settore e un suo rafforzamento nei prodotti technology based (tessile tecnico, abbigliamento sportivo e underwear tecnico) oltreché nelle commodity (filati, tessuti a maglia, tessuti a trama). I paesi a basso costo del lavoro rafforzeranno le quote di commercio mondiale e, in particolare, sono attesi progressi da parte di Vietnam e Cambogia. Più in generale, sui segmenti low-price si prevede l’emergere di nuovi paesi concorrenti, in un contesto competitivo molto selettivo che tenderà a premiare, come accade già oggi, convenienze di costo di breve periodo.

E per le imprese del tessile-abbigliamento dei paesi ad alto costo del lavoro? Qui la sfida sarà necessariamente giocata sulla capacità di orientare i propri modelli di business in modo da sfruttare i punti di forza del sistema: produzioni di qualità inserite in filiere integrate, competenze di prodotto, ma soprattutto di mercato e organizzative, appaiono i principali fattori critici di successo. Saranno premiati i modelli organizzativi più innovativi, orientati alla costruzione di reti lunghe, alla comprensione dei bisogni e dei cambiamenti in atto nei gusti del consumatore, alla capacità di servire velocemente i mercati di sbocco.

 

Il momento giusto per programmare la visita a FILO

La 42a edizione di FILO si avvicina: il salone internazionale dei filati e delle fibre si tiene infatti l’8 e 9 ottobre 2014 a Milano. Per programmare in tutta tranquillità la visita della fiera, FILO mette a disposizione dei visitatori l’Hospitality Service di Ventana Group, partner ufficiale della segreteria organizzativa. Si tratta di un’agenzia di viaggio esclusiva e “aperta” 24 ore su 24 per fornire tutte le informazioni utili su come arrivare e dove soggiornare a Milano nei due giorni di FILO.

Collegandosi al sito, dalla sezione “Visitare” si possono scoprire tutte le offerte riservate da Ventana Group ai visitatori di FILO e prenotare per tempo e con tutta tranquillità l’albergo e il viaggio a Milano.

In alternativa al sito web, per effettuare la prenotazione si può scaricare e compilare il modulo nel quale sono riepilogate tutte le condizioni di vendita e inviarlo a: manuela.monzani@ventanagroup.it.

I prezzi indicati si intendono per notte, a camera con colazione e tasse incluse (esclusa la City Tax).

 

FILO n. 42: un Moto Perpetuo d’innovazione

Innovazione e Moto Perpetuo sono i due temi lungo i quali si declina la 42a edizione di FILO (8-9 ottobre 2014). Da una parte, l’innovazione dei prodotti, da ricercare, da stimolare e da esaltare perché solo la ricerca di nuovi sviluppi del prodotto e di nuovi processi di lavorazione consente alle aziende che espongono a FILO di mantenere quella eccellenza nella qualità dei filati che è alla base della realizzazione dei prodotti d’alta gamma lungo tutta la filiera. Dall’altra, il Moto Perpetuo della creatività, la macro-tendenza che ispira le proposte prodotto dell’edizione autunnale, già presentate da Gianni Bologna in anteprima agli espositori e ora visibili sul sito.

La sintesi tra i due concetti si realizzerà nell’Area Tendenze di FILO, esplicata in una sorta di Moto perpetuo dell’innovazione, nel quale le protagoniste assolute saranno le aziende, con i loro pannelli espositivi che rappresentano una vetrina di quanto esposto negli stand. Quanto all’allestimento dell’Area Tendenze per l’edizione di ottobre, sarà come sempre una piacevole sorpresa per tutti coloro che visiteranno questo spazio. Per il momento, possiamo anticipare che ci introdurrà nei “meccanismi” della creatività e dello stile, spaziando in un percorso che unisce suggestioni future e futuriste.

Smi: 2014 di crescita

Il sistema tessile-moda italiano chiuderà il 2014 in crescita del 3,6% con oltre 52,5 miliardi di euro di fatturato. E la crescita interessa tutti i comparti, a monte (+3,1%) e a valle (+4,2%) della filiera. Le stime sono state elaborate dall’ufficio studi di Smi-Sistema moda Italia (in collaborazione con l’Università Carlo Cattaneo-Liuc) e illustrate dal presidente Claudio Marenzi nel corso dell’assemblea annuale dell’associazione.

Marenzi ha mantenuto comunque una certa cautela: «È presto per dire se è un vero aggancio alla ripresa». Intanto il 2014 è in crescita e si guarda al futuro della filiera con cauto ottimismo. La parola d’ordine è “fare squadra”, pur nel rispetto dei ruoli e delle prerogative di ognuno. Così all’assemblea hanno partecipato anche i presidenti di settori contigui a quello rappresentato da Smi: Mario Boselli (Camera nazionale della moda italiana), Cirillo Mercolin (Anfao-occhiali e Fiamp-accessori moda), Andrea Illy (Altagamma) e Licia Mattioli, a capo del comitato tecnico per l’internazionalizzazione di Confindustria nonché presidente del Club degli orafi.

Non solo il fatturato è in crescita nel 2014: le esportazioni e il saldo commerciale supereranno i livelli del 2008, quelli cioè precedenti al fallimento di Lehman Brothers e alla crisi economico-finanziaria che ne è seguita. Nel 2014 l’export sfiorerà i 29 miliardi (27,6 nel 2008), pari al 55,1% del fatturato complessivo e in crescita del 5,6% rispetto al 2013. Il saldo commerciale salirà a 10,5 miliardi. Nonostante tutto, il settore continua a dare lavoro a oltre 400mila addetti.

Tutto ciò è possibile secondo Marenzi perché «siamo l’unico paese al mondo ad avere ancora una filiera integra e di altissima qualità. Dobbiamo difendere questo patrimonio, superando eventuali divisioni interne all’associazione e facendo sentire la nostra voce al Governo italiano e a Bruxelles». Per quanto riguarda l’Europa, Marenzi ritiene che l’obiettivo di portare, entro il 2020, il peso del manifatturiero europeo sul Pil complessivo dall’attuale 13% al 20% non possa essere raggiunto «senza il contributo del tessile-abbigliamento di paesi come l’Italia». Al Governo italiano Marenzi non chiede trattamenti di favore, ma vede nel “reshoring” un’opportunità per misure a costo zero per le imprese che vogliono riportare in Italia la produzione.

 

Come programmare per tempo la visita a FILO

In previsione della 42a edizione della fiera, FILO mette a disposizione dei visitatori l’Hospitality Service di Ventana Group, partner ufficiale della segreteria organizzativa. Si tratta di un’agenzia di viaggio esclusiva e “aperta” 24 ore su 24 per fornire tutte le informazioni utili su come arrivare e dove soggiornare a Milano nei due giorni di FILO (8-9 ottobre 2014).

Basta un click da “Visitare”, per scoprire tutte le offerte riservate da Ventana Group ai visitatori di FILO e prenotare per tempo e con tutta tranquillità l’albergo e il viaggio a Milano.

In alternativa al sito web, per effettuare la prenotazione si può scaricare e compilare il modulo nel quale sono riepilogate tutte le condizioni di vendita e inviarlo a manuela.monzani@ventanagroup.it.

I prezzi indicati si intendono per notte, a camera con colazione e tasse incluse (esclusa la City Tax).

Aziende d’eccellenza unite da un filo d’oro

Voglia di fare sistema, passione per il proprio lavoro, creatività e stile: nasce da questi principi cardine il progetto F.D˙O. creato da cinque imprenditori di distretti tessili diversi – i comaschi Graziano Brenna, Ambrogio Taborelli e Sandro Tessuto, il pratese Andrea Belli e il trevigiano Andrea Ongetta.
F.D˙O. è una rete d’impresa che permette di dar vita a una vera e propria micro-filiera del prodotto serico, in grado di rispondere a tutte le esigenze del cliente grazie a una catena produttiva integrata e certificata dalle singole competenze degli anelli che la compongono. Ne fanno parte, infatti, le tessiture A. M. Taborelli e Clerici Tessuto &C, la Filatura Ongetta, l’orditura di G.T. 2000, le tintorie Ambrogio Pessina, Comofil, Filati Portichetto di Como, la Iride Tessuti di Biella e infine la commerciale T.o.t.

“Alla base della nostra scelta – spiega Graziano Brenna – c’è la necessità di adeguarsi al mercato mondiale che oggi richiede alta flessibilità e rapidità nell’evasione degli ordinativi. Superando logiche provinciali, abbiamo deciso di investire le nostre forze e il know how di ciascuno in un progetto comune, con la certezza di riuscire così a coprire l’intero sistema produttivo e distributivo”.
Alla 42a edizione di FILO partecipa T.o.t., una delle aziende che fa parte del progetto F.D˙O.
Oltre ai filati tinti in stock service, porterà il suo fiore all’occhiello: la gamma Fastflash, dove le diverse fibre sono abbinate a piattine metalliche che donano una particolare luminosità e brillantezza al filato. “Qualità dei prodotti, servizio attento e puntuale al cliente e rispetto dell’ambiente sono i valori che contraddistinguono la nostra attività – sottolinea Brenna – “Nell’arco di poche ore, il nostro laboratorio può produrre, in qualsiasi tonalità e su qualsiasi tipo di filato, quantitativi che vanno dai pochi grammi di una matassina a un alto numero di rocche, secondo le esigenze del cliente. Quanto al rispetto dell’ambiente, stiamo sviluppando lavorazioni con i coloranti naturali. Abbiamo poi realizzato un trattamento che rende il tessuto impermeabile senza perdere traspirabilità: la novità è che possiamo ottenere questo risultato senza utilizzare prodotti contenenti fluoro”.

Lo stile in Moto Perpetuo

Le due conferenze stampa di Biella e Milano per la presentazione di FILO rappresentano una tappa fondamentale del percorso di avvicinamento alla rassegna perché è qui che vengono anticipate agli operatori le proposte sviluppo prodotto elaborate da Gianni Bologna, un vero e proprio strumento di lavoro a disposizione degli espositori e dei visitatori di FILO. Il tema individuato per la 42a edizione di FILO è “Moto perpetuo”.

Nel corso della presentazione, Bologna si è soffermato sulla macro-tendenza che ispira le proposte per l’edizione autunnale: quelle che una volta venivano definite “tendenze” hanno vita sempre più breve e di fatto divengono un “continuum” elaborativo. In questa accelerazione del tempo e nel “collegamento” perpetuo, tendono a muoversi in un’orbita a ciclo breve (sempre più breve), diventando sempre più fulminanti e sempre più lente al contempo. Da qui prendono avvio temi tessili che hanno come parole d’ordine la trasformazione, il movimento, il rinnovo, la metamorfosi e l’e-mozione.

42a edizione di FILO: la presentazione a Biella e Milano

La 42a edizione di FILO – in programma l’8 e 9 ottobre 2014, al Centro Congressi Le Stelline di Milano (corso Magenta 61) – è stata presentata in tutti i suoi aspetti nelle due conferenze stampa di Biella e Milano, svoltesi nei giorni scorsi.

Le due conferenze stampa rappresentano un momento chiave nel costante dialogo tra l’organizzazione di FILO e gli operatori che partecipano alla fiera, l’unica rassegna business-to-business focalizzata sull’eccellenza dei filati. Le adesioni alla fiera sono in linea con le edizioni passate, facendo ben sperare per l’esito positivo della 42a edizione.

Sono state illustrate anche le iniziative messe in atto per rafforzare la presenza in fiera di un numero sempre maggiore di buyer, concentrando l’attenzione in particolare sugli stranieri. A cominciare dalla collaborazione con Agenzia Ice che porterà a FILO una delegazione di compratori provenienti da mercati di particolare interesse per gli espositori. Allo stesso obiettivo di offrire sempre maggiori opportunità di business alle imprese espositrici sono mirati anche i cambiamenti intervenuti nella comunicazione della fiera (per esempio, con la FILONewsletter e il restyling del sito), che vogliono essere in primo luogo un servizio alle aziende.

Infine, sono state comunicate le date di FILO 2015: la 43a edizione avrà luogo il 18 e 19 marzo 2015, mentre la 44a edizione si terrà il 7 e 8 ottobre 2015.

La 42a edizione di FILO in anteprima

FILO anticipa agli operatori le novità e le proposte sviluppo prodotto in due appuntamenti nel mese di giugno.

Le conferenze stampa di presentazione della 42a edizione sono in programma per il 23 giugno alle ore 10.30 a Biella presso l’Unione Industriale Biellese, via Torino 56; e il 24 giugno alle ore 10.30 a Milano presso il Centro Congressi Le Stelline di Corso Magenta 61.

La partecipazione è gratuita e per iscriversi basta compilare il form disponibile a questo link.

Nel corso delle due conferenze stampa, gli operatori potranno avere informazioni e chiarimenti sullo spazio espositivo e sulle diverse iniziative predisposte dagli organizzatori per confermare FILO nel suo ruolo di unica fiera businesstobusiness dedicata all’alta gamma di filati. Ma il momento clou delle due giornate sarà, come di consueto, la presentazione delle proposte sviluppo prodotto elaborate da Gianni Bologna. Ideate come uno strumento di lavoro da mettere a disposizione degli espositori e visitatori di FILO, le proposte sviluppo prodotto partono da una macrotendenza generale per poi addentrarsi in sviluppi di prodotto specifici, mettendo in evidenza i materiali che compongono i filati, le lavorazioni necessarie per ottenerli e le modalità per arrivare agli effetti desiderati. Anche per quanto riguarda la cartella colori, l’identificazione dei toni prescelti è immediata perché fa riferimento al numero di pantone. A chiudere il cerchio del dialogo continuo tra FILO e gli operatori tessili, c’è l’invito alle aziende espositrici di inviare campioni dei loro filati, per essere esposti nei tableaux dell’Area Tendenze.

La 42a edizione di FILO è in programma l’8 e 9 ottobre 2014, al Centro Congressi Le Stelline di Milano (corso Magenta 61).

Back To Top