skip to Main Content

Tutte le Strade portano a Filo n. 50

Tutte le Strade portano a Filo n. 50

Filo celebra in questa edizione le sue “cinquanta volte” e 25 anni di vita: e sono davvero tante le strade che tutti insieme abbiamo percorso. Dunque, non è un caso se l’ispirazione della 50a edizione di Filo (26-27 settembre 2018 al Palazzo delle Stelline di Milano) si affida a tre strade celeberrime: la Via delle Spezie, la Via della Seta e la Route 66.

 

Ma una lunga strada si percorre meglio se si hanno a fianco amici fidati. Le aziende espositrici sono certo le prime, con la loro proposta di filati e materiali a ogni edizione più innovati e di qualità. Ma altri amici hanno contribuito negli anni – e contribuiscono ancora oggi – al successo di Filo operando “dietro le quinte”.

 

E allora in questa edizione speciale e tutta d’oro, il primo amico di Filo da ricordare è senz’altro la Fondazione Stelline. Il Palazzo delle Stelline è infatti la sede storica di Filo, sempre molto apprezzata da espositori e visitatori per la sua posizione al centro di Milano e per il fascino di una location ricca di arte e di storia. Con in più un dettaglio davvero cruciale per chi opera in un settore come la filiera tessile: la luce naturale che dal chiostro si irradia a tutto lo spazio espositivo.

 

Tanto lavoro e tante opportunità di incontro tra domanda e offerta di filati sono la “ricetta” che ha permesso a Filo di percorrere con successo una strada lunga 25 anni e che permette di guardare con fiducia alle molte sfide e strade ancora da affrontare. Ma il lavoro è più proficuo se chi lo svolge può rigenerarsi con momenti di pausa. È qui che entrano in campo altri amici di Filo.

 

Botalla Formaggi dal 1947 è il marchio dei formaggi piemontesi di alta qualità, fatti con il latte più genuino e selezionato. Tanti sapori, diversi formati e un’unica passione per la bontà e per la tradizione. La bontà dei prodotti nasce sui pascoli dove vengono allevate le vacche biellesi e piemontesi: il “segreto” del successo di Botalla Formaggi è proprio nella materia prima di altissima qualità trasformata in formaggi eccezionali dal lavoro umano – “unico e insostituibile”, come dicono in azienda – grazie a lavorazioni sapienti, dove è l’esperienza che permette di cogliere il giusto equilibrio tra aromi e sapori.

 

Pasticceria Massera fonda la sua produzione su lavorazioni antiche e non a caso si definisce orgogliosamente “di tipo artigianale”. Come ai tempi degli inizi, quando il fondatore Luigi Massera sfornava i famosi torcetti per la festa del paese, la lavorazione prevede infatti la scrupolosa esclusione di conservanti e coloranti, un inimitabile amalgama di dosaggio e manipolazione e l’uso di ingredienti esclusivamente naturali: farina, burro e zucchero, ciò che di più semplice e quotidiano la cucina possa offrire all’arte dolciaria. È così che dal 1920 a oggi la Pasticceria Massera è diventata un fiore all’occhiello della produzione dolciaria biellese, ricevendo riconoscimenti prestigiosi, come il Marchio di eccellenza artigiana della Regione Piemonte.

 

Ancora una volta, anche per la 50a edizione di Filo la realizzazione dei due light-lunch riservati agli espositori è curata da Ramella Banqueting. Ma in questa speciale edizione a Ramella Banqueting è affidato anche il compito di rendere delizioso per il palato degli ospiti il party di “Buon compleanno, Filo!”. Un successo annunciato perché le proposte dello chef Ivan Ramella uniscono l’attenzione alla tradizione culinaria del territorio biellese con la ricerca di ricette sempre nuove. Dal 1946, la famiglia Ramella ha fatto della ristorazione di qualità un’arte che racchiude la professionalità, la passione e lo stile dell’ospitalità. Come dimostrano accanto all’attività di banqueting, i vari ristoranti e le iniziative che la famiglia Ramella anima nel Biellese.

 

Nei due giorni di Filo e alla festa di compleanno non può poi mancare Birra Menabrea. Il celebre marchio ha più di 170 anni di storia e ha quali punti di forza qualità, tradizione e cultura. È infatti una birra d’élite basata sui concetti di fatto-a-mano e di qualità. A partire dalla qualità delle acque biellesi, dalla scelta del luppolo, dal ceppo di lieviti, dal malto. E di qualità è sicuramente l’amore che gli uomini, dal mastro birraio a chi si occupa degli altri processi di produzione, dedicano e hanno sempre dedicato alla realizzazione dei prodotti. Birra Menabrea è una storia italiana prestigiosa: un’azienda che dimostra una forte attenzione verso iniziative finalizzate alla valorizzazione della promozione delle eccellenze in Italia e all’estero. Per questo è il partner ideale di Filo.

 

E per i brindisi, che certamente saranno frequenti in questa edizione di Filo? Alle bollicine provvede la Cantina Orsolani: è una storica casa spumantistica del Nord Piemonte. Pionieristicamente, nel 1968, ha iniziato a produrre l’Erbaluce spumante. Da allora sono passati 50 anni. E non poteva esserci occasione migliore della 50a edizione di Filo per festeggiare questo importante traguardo, al fianco di clienti vecchi e nuovi.

 

Quanto all’acqua, a Filo ha un solo nome: Lauretana. Nei suoi cinquanta anni di attività, Lauretana ha saputo ritagliarsi uno spazio distintivo nel panorama internazionale delle acque minerali, scegliendo una logica imprenditoriale da sempre orientata alla qualità anziché al puro profitto. Purezza e leggerezza sono infatti le proprietà peculiari dell’acqua Lauretana: la sua sorgente si trova sul Monte Rosa, nella zona alpina delle montagne biellesi, in un territorio incontaminato a oltre mille metri di altezza. L’acqua più leggera d’Europa per valori organolettici accompagna il lavoro negli stand della fiera e negli spazi dedicati ai momenti più conviviali, dalla FiloLounge al party di “Buon compleanno, Filo!”.

 

Scarica file

Back To Top