skip to Main Content

56a edizione di Filo: ripercorriamo due giorni di successi

COMUNICATO STAMPA

La 56a edizione di Filo è stata ricca di novità: un investimento in risorse, idee e lavoro che anche grazie agli espositori è stato ripagato da una partecipazione di visitatori – stranieri inclusi – che è andata ben oltre le previsioni più ottimistiche e da un entusiasmo tra gli stand che si è percepito fin dall’apertura della fiera, nella mattinata di mercoledì 29 settembre.
I lavori di “Youth4Climate”, che si sono svolti a pochi passi da Filo, con la presenza di tanti giovani che con passione si spendono per la salvaguardia del Pianeta, possono aver causato qualche rallentamento nell’ingresso a Filo, ma i disagi sono stati contenuti grazie alla pronta collaborazione delle forze dell’ordine, che hanno sempre garantito il passaggio al nostro padiglione espositivo. D’altra parte, possiamo leggere la concomitanza con la “Youth4Climate” come altamente simbolica di un impegno sulla sostenibilità che le aziende partecipanti a Filo hanno fatto proprio da tempo.
Ripercorriamo quindi le tappe di questa edizione di Filo di grande successo, seguendo idealmente il layout completamente rivoluzionato dello spazio fieristico.
Già all’ingresso, infatti, chi è arrivato a Filo ha potuto ammirare la mostra realizzata dagli studenti dell’ITS-TAM di Biella: “Ricucire il futuro-Omaggio a Chanel”. È una mostra che unisce passato, presente e futuro, allo stesso tempo un omaggio allo stile di Coco Chanel e una riflessione su temi e problemi decisamente attuali. L’auspicio di Filo è di rinnovare anche nelle prossime edizioni la collaborazione con ITS-TAM Biella perché lo sviluppo della creatività e, più in generale, la formazione delle figure professionali che operano nel tessile-abbigliamento sono fattori determinanti per la crescita del settore.
Lo conferma la visita a Filo di altri studenti, arrivati dalla Toscana, con l’ITS-Mita Academy: il loro interesse si è rivolto principalmente ai prodotti, alle lavorazioni e ai connessi aspetti commerciali, aprendo spesso un dialogo già “da professionisti” con gli espositori di Filo, che sono rimasti positivamente colpiti dalle competenze dimostrate dai ragazzi.
Nel nostro viaggio lungo la 56a edizione di Filo, lo sguardo si apre ora sull’Area Tendenze: completamente ripensata nel suo lay out, ha mantenuto intatte le caratteristiche che la rendono uno strumento di lavoro indispensabile per i buyer, ma lo fa ora con un allestimento suggestivo, che vede una esplosione di colori e materiali, e in uno spazio ampio e accogliente, dove è piacevole, oltre che interessante, passare del tempo a studiare con attenzione le proposte delle aziende.
L’Area Tendenze non è il solo spazio dove si è potuto trovare un quadro complessivo delle proposte degli espositori. Grande curiosità ha infatti suscitato “Un Filo per la maglia”, la nuova area riservata ai filati per la maglieria, nata per dare la giusta visibilità a proposte da sempre presenti a Filo e oggi ancora più richieste dal mercato. Così come tanta attenzione ha attirato l’Area Sostenibilità, al cui centro si trovavano le proposte delle aziende che aderiscono a FiloFlow, il progetto sostenibilità di Filo.
Di sostenibilità si è parlato molto alla 56 edizione di Filo: negli stand, grazie ai prodotti e alle lavorazioni degli espositori; nello spazio di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, sotto un suggestivo Terzo Paradiso sospeso, realizzato con i filati di un’azienda biellese.
Su ricerca e sostenibilità ci si è confrontati in particolare negli stand delle grandi aziende internazionali produttrici di fibre presenti a Filo: Asahi Kasai (con i marchi Bemberg e ROICA), Lenzing e la Confederazione Europea del Lino e della Canapa (Celc).
Di sostenibilità e tracciabilità si è discusso soprattutto nei “Dialoghi di Confronto” che si sono tenuti nella Networking Area, un’altra delle innovazioni introdotte con la 56a edizione di Filo.
Nei brevi workshop che si sono succeduti nei due giorni di Filo, seguiti con attenzione e partecipazione dal pubblico, il discorso è spaziato dalle innovazioni realizzate nel mondo delle fibre, che oggi rendono “green” anche i materiali man made, fino alla “naturale sostenibilità” del lino. Il tema della sostenibilità nel tessile e nella moda è stato qui affrontato da diverse angolazioni: ne hanno discusso manager e uomini prodotto, insieme a imprenditori, creativi e fashion designer, come Andrea Rosso e Tiziano Guardini.
Il nostro viaggio nella 56a edizione si conclude con l’ennesima novità e in uno spazio che da fisico si fa digitale: Filo ha infatti presentato “e-Filo: 365 Days of Yarns”, la sua piattaforma market place. Semplice, intuitivo, facile da utilizzare, realizzato ascoltando le esigenze delle aziende, “e-Filo: 365 Days of Yarns” è stato accolto con entusiasmo dagli espositori e, a poche ore dal suo lancio, ha già suscitato la curiosità dei buyer, come dimostrano i primi dati sugli accessi.
Il successo della 56a edizione di Filo non era scontato: la congiuntura è ancora difficile, il comparto è stato tra i più penalizzati dalla pandemia, l’arrivo di espositori e buyer stranieri è tuttora condizionato da restrizioni e incertezze. Eppure, i risultati sono stati ottimi, dimostrando che il lavoro di squadra e la volontà e gli investimenti mirati a raggiungere un risultato danno sempre buoni frutti. Ora, proprio perché ha superato le attese della vigilia, il bilancio della 56a edizione di Filo rappresenta una spinta concreta alla ripresa e un invito a guardare con maggiore fiducia al futuro dell’intero comparto tessile.
Arrivederci al 23 e 24 febbraio 2022, per la 57a edizione di Filo!
Biella, 1° ottobre 2021
Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori, 55 – 20135 Milano
Telefono 339 64 73 377 – 368 30 87 865
press@filo.it

La 56a edizione di Filo chiude con un bilancio positivo

La 56ª edizione di Filo, salone internazionale dei filati e delle fibre, si è chiusa oggi con ottimi risultati.

Afferma Paolo Monfermoso, responsabile di Filo: “La 56a edizione di Filo si chiude con un ottimo bilancio, ottenuto in un contesto che guarda alla ripresa con rinnovata fiducia. Al desiderio di ripartire delle aziende espositrici, dimostrato dalla scelta di essere a Filo con prodotti realmente innovativi e di alto valore qualitativo, è corrisposto lo slancio dei buyer arrivati in fiera con un buon flusso nei due giorni di fiera. In totale, abbiamo registrato 75 espositori, con il ritorno di alcune aziende straniere, mentre il numero di visitatori è andato ben oltre le aspettative. Si sono rivisti i buyer provenienti dall’estero, in particolare dalla Francia, Portogallo, Turchia, Slovenia, Svizzera, Germania, Regno Unito e Mozambico, grazie anche alla collaborazione con Ice-Agenzia”.
Prosegue Monfermoso: “In questa 56a edizione abbiamo proposto diverse novità: l’apertura alle fibre, lo spazio dedicato alla maglieria, l’attenzione concreta alla sostenibilità. Tuttavia, la novità più significativa è il lancio di “e-Filo: 365 Days of Yarns”, il nostro market place. Il progetto è stato sviluppato appositamente per Filo e nel realizzarlo abbiamo voluto prestare ascolto diretto alle aziende e alle loro esigenze. Il risultato è una piattaforma agile, molto facile da utilizzare, con chiavi di ricerca semplici e immediate. È un progetto nel quale crediamo molto e che ha già incontrato l’apprezzamento delle aziende espositrici. Nelle nostre intenzioni, “e-Filo: 365 Days of Yarns” rappresenta un prolungamento della fiera fisica, che permette di sfruttare le possibilità offerte dagli strumenti digitali per trasformarle in nuove opportunità di business per espositori e visitatori di Filo. Ma risposte importanti, anche per orientare il nostro lavoro futuro, sono arrivate pure dalle altre novità che abbiamo introdotto nella 56a edizione di Filo. Particolare interesse hanno ricevuto “Un Filo per la maglia” – la nuova area maglieria – e le aziende leader mondiali nella produzione di fibre. Cresce sempre più l’interesse verso la sostenibilità, tema al quale abbiamo dedicato un’area tendenze specifica, con al centro FiloFlow, il progetto sostenibilità di Filo. Ormai la quasi totalità delle aziende espositrici vi aderiscono, segno dell’attenzione che i nostri espositori dedicano al tema e del loro crescente desiderio di comunicare anche all’esterno tutti i progressi fatti in questo campo.
In conclusione, quelli della 56a edizione di Filo sono stati due giorni intensi, animati dalla passione delle nostre aziende per una ripartenza del settore fondata sulla valorizzazione di produzioni uniche, frutto dell’esperienza e delle lavorazioni inconfondibili per la loro qualità”.

Sul “nuovo Filo” si è soffermato Pier Francesco Corcione, amministratore delegato di Assoservizi, nel suo intervento nella conferenza stampa di apertura, legandolo alla ripresa dell’intero settore “Nel momento più difficile, con le edizioni di febbraio 2020 e febbraio 2021 che siamo stati costretti ad annullare, Filo ha deciso di investire. Il risultato è una “nuova Filo”, con nuove aree tendenza e nuove aree tematiche, una “nuova Filo” che finalmente riesce a vivere in modo compiuto la nuova location di MiCo. Fare investimenti significa puntare a una ripresa strutturale. Ma una ripresa strutturale non può prescindere dalla formazione e dunque mi fa particolarmente piacere che Filo ospiti in questa edizione la mostra realizzata dagli studenti dell’ITS TAM di Biella”.

Il tema della formazione è stato ripreso da Elena Chiorino, assessore alla Formazione, istruzione e lavoro della Regione Piemonte. Nell’intervento alla conferenza Chiorino ha affermato: “La 56a edizione di Filo segna una ripartenza in grande stile. Qui a Filo sono presenti le basi per una ripresa strutturale: la formazione, la manifattura del bello e ben fatto, la comunicazione, anche attraverso nuovi canali. Infatti, non c’è competitività senza competenza e non c’è competenza senza formazione”.

L’attenzione di Filo alla formazione è stata ribadita non solo con la mostra “Ricucire il futuro” realizzata dall’ITS-TAM Biella, ma anche dalla presenza in fiera alcuni studenti della ITS Mita Academy, che hanno partecipato a un incontro di formazione su una nuova figura capace di coniugare competenze tecniche di prodotto con quelle commerciali.

Conclude Monfermoso: “Una nuova Filo totalmente ridisegnata nel lay out a partire dagli allestimenti fino ad arrivare all’esplosione di colori dell’Area Tendenze, in un contesto molto suggestivo e accogliente”.

Filo dà appuntamento alla 57a edizione, in programma il 23 e 24 febbraio 2022.

Biella, 30 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori, 55 – 20135 Milano
Telefono 339 64 73 377 – 368 30 87 865
press@filo.it

e-Filo: 365 days of yarns, il market place di Filo

COMUNICATO STAMPA

Accattivante nella grafica, semplice da utilizzare, sempre disponibile, continuamente aggiornato.
È “e-Filo: 365 days of yarns”, il market place digitale di Filo, presentato stamani alla stampa da Paolo Monfermoso, general manager di Filo, in occasione dell’apertura della 56a edizione di Filo a MiCo, Milano Convention Centre.

“e-Filo: 365 days of yarns” è una piattaforma on line, che ha l’obiettivo di mantenere un contatto costante tra espositori e visitatori di Filo.
È uno strumento di lavoro, concreto e qualificante, rivolto alle aziende espositrici di Filo e ai loro clienti. Non sostituisce la fiera – che resta un appuntamento imprescindibile – ma ne è un prolungamento “aperto” 365 giorni l’anno.

“e-Filo: 365 days of yarns” è una vetrina nella quale le aziende espositrici di Filo inseriscono i loro prodotti, le novità più interessanti e innovative.
Per i buyer l’accesso è semplice, la ricerca dei prodotti di interesse rapida e intuitiva: il motore di ricerca, appositamente studiato per Filo, consente la ricerca attraverso varie specifiche caratteristiche dei filati: composizione, titolo, lavorazione, certificazione e altro ancora.
Agli espositori permette di raggiungere con facilità e rapidità i clienti per continuare a proporre i prodotti più consolidati e le nuove proposte, insieme alle novità inserite in collezione nel corso di tutto l’anno.

Paolo Monfermoso afferma: “Negli ultimi due, difficili, anni abbiamo imparato che il digitale offre alle fiere tessili opportunità decisamente interessanti. Naturalmente, non può sostituire la fiera fisica, per la semplice considerazione che i prodotti tessili hanno bisogno dell’esperienza tattile per essere pienamente apprezzati. Così come l’incontro diretto tra produttore e buyer è un punto di partenza fondamentale per qualsiasi collaborazione. Ma oggi spazio fisico e spazio digitale possono completarsi e insieme contribuire a costruire il tessile del futuro. Da questo punto di vista, una vetrina on line, com’è il nostro “e-Filo: 365 days of yarns”, rappresenta un utile prolungamento della fiera fisica. Filo ha colto la sfida ma anche l’opportunità rappresentata dai nuovi strumenti digitali, con la volontà di trasformarla in una nuova occasione di business per i suoi espositori e per i suoi visitatori. Il nostro obiettivo, attraverso questa nuova iniziativa, è consolidare collaborazioni tra espositori e buyer e farne nascere di nuove, nella ricerca di prodotti innovativi, che abbiano nella qualità e nella sostenibilità il loro punto fermo”.

La 56a edizione di Filo si conclude domani 30 settembre.

Biella, 29 Settembre 2021

Elena Aravecchia
Ufficio stampa Filo
Cell. 339 6473377
e-mail: press@filo.it

Andrea Rosso alla 56a edizione di Filo

COMUNICATO STAMPA

Sostenibilità, ri-utilizzo dei materiali, circolarità sono temi centrali per l’industria tessile e percorrono come un fil rouge tutta la 56a edizione di Filo.

Di sostenibilità si discute in particolare nei “Dialoghi di confronto” della Networking Area. E uno dei “Dialoghi più attesi” vede protagonista Andrea Rosso, ambasciatore della sostenibilità di Diesel.

Insieme alla giornalista Elisabetta Invernici, Rosso esplora le condizioni della collaborazione tra mondo fashion e aziende a monte della filiera tessile per arrivare a prodotti finiti realmente sostenibili e tracciabili.

Rosso porta a Filo l’esperienza di imprenditore e creativo, la sua passione e il suo impegno a intraprendere azioni per rendere il settore moda più sostenibile, a beneficio delle generazioni attuali e future.

I “Dialoghi di Confronto” sono una delle novità più interessanti della 56a edizione di Filo. Qui (https://filo.it/wp-content/uploads/2021/09/Dialoghi-di-confronto-2.pdf) il programma completo degli incontri dei due giorni di fiera.

Vi aspettiamo alla 56a edizione di Filo il 29 e 30 settembre 2021 a MiCo – Milano Convention Centre!

Biella, 27 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori 55 – Milano
Tel.: 3396473377 – 3683087865
e-mail: press@filo.it

Le fibre di Filo: TENCEL ™ by Lenzing

COMUNICATO STAMPA

La 56a edizione di Filo dedica ampio spazio alle fibre. La scelta nasce dalla considerazione che una effettiva sostenibilità e tracciabilità dei prodotti si possa ottenere solo in un’ottica di filiera.
A questo concetto risponde perfettamente la realtà Lenzing, uno dei gruppi leader al mondo nella produzione di fibre cellulosiche.

Alla 56a edizione di Filo, Lenzing propone in particolare la fibre TENCEL™, nelle sue diverse declinazioni: TENCEL™ con tecnologia Refibra (riciclo di tagli di cotone post industrial & consumer); TENCEL™ – Modal Indigo (fibra tinta in pasta per il settore denim); TENCEL™ Luxe – filo continuo di lyocell per rispondere alle esigenze del settore serico; e TENCEL™ Carbon Zero – Eco Clean. Sono materiali presenti nei più svariati prodotti del tessile-abbigliamento e dell’arredamento, che ora trovano impiego anche in agricoltura e nell’imballaggio perché “compostabili”.

A rendere particolarmente interessante per Filo la fibra TENCEL™ non sono solo le sue qualità, conosciute e apprezzate da tempo dalle aziende espositrici di Filo. È soprattutto il processo produttivo con il quale si ottiene la fibra che sarà al centro dell’attenzione.

TENCEL™, infatti, è prodotta in Austria in uno stabilimento a pochi chilometri dall’Attersee, lago che in passato ha ispirato le musiche di Gustav Mahler e i dipinti di Gustav Klimt. L’impianto è dunque collocato in un paesaggio caratteristico, con un ambiente naturale da tutelare. E per questo fin dagli anni Settanta, Lenzing ha dedicato una forte attenzione alle risorse che utilizza e alle emissioni che produce, mettendo in pratica strategie di sostenibilità.

Proprio al processo di produzione adottato da Lenzing e alla sua “bio-raffineria” è dedicato uno dei “Dialogo di Confronto” che si tengono nella Networking Area di Filo nei due giorni di fiera.

Il “Dialogo di Confronto” (30 settembre, ore 15) dal titolo “Lenzing’s biorefinery concept” avrà come protagonista Carlo Covini, Lenzing – Business Development Manager Italy & Switzerland.

I “Dialoghi di Confronto” sono una delle novità più interessanti della 56a edizione di Filo. Qui (https://filo.it/wp-content/uploads/2021/09/Dialoghi-di-confronto-2.pdf) il programma completo degli incontri dei due giorni di fiera.

Vi aspettiamo alla 56a edizione di Filo il 29 e 30 settembre 2021 a MiCo!

Biella, 24 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori 55 – Milano
Tel.: 3396473377 – 3683087865
e-mail: press@filo.it

Tiziano Guardini alla 56a edizione di Filo

COMUNICATO STAMPA

Sostenibilità, ri-utilizzo dei materiali, circolarità sono temi centrali per l’industria tessile e percorrono come un fil rouge tutta la 56a edizione di Filo.

Di sostenibilità si discute in particolare nei “Dialoghi di confronto” (https://filo.it/wp-content/uploads/2021/09/Dialoghi-di-confronto-2.pdf) della Networking Area di Filo.

Particolarmente atteso è il “Dialogo di Confronto” (29 settembre ore 12) che vede protagonista Tiziano Guardini, anche grazie a un titolo intrigante – “Tiziano Guardini dialoga con la natura” – allo stesso tempo esplicito e criptico, proprio per le innumerevoli interpretazioni che gli si possono attribuire.

Tiziano Guardini, fashion designer indipendente, ha elaborato un innovativo e profondamente consapevole approccio alla moda – ECOuture – fondato sui concetti di sartorialità, innovazione, rispetto e sperimentazione.
Il lavoro di Guardini ha al suo centro la ricerca: ricerca di materiali speciali fortemente sostenibili e cruelty free, di lavorazioni, di forma e contenuti, dove etica ed estetica rappresentano il binomio imprescindibile. La natura è dunque un punto di partenza e di arrivo, mantiene intatte tutte le sue caratteristiche trasformandosi in un prodotto luxury e contemporaneo, impalpabile e materico al tempo stesso.
Il lavoro creativo di Tiziano Guardini diventa quindi espressione di una consapevolezza globale in cui si ritorna a vivere in armonia con la natura.

Nel “Dialogo di Confronto” a Filo l’approccio di Guardini sarà proprio questo: l’ascolto della natura e il dialogo con essa perché – come afferma lo stilista – “siamo tutti collegati… uomo-natura come se in realtà ci fosse davvero una divisione”.

I “Dialoghi di Confronto” sono una delle novità più interessanti della 56a edizione di Filo. Qui (https://filo.it/wp-content/uploads/2021/09/Dialoghi-di-confronto-2.pdf) il programma completo degli incontri dei due giorni di fiera.

Vi aspettiamo alla 56a edizione di Filo il 29 e 30 settembre 2021 a MiCo-Milano Convention Centre!

Biella, 24 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori 55 – Milano
Tel.: 3396473377 – 3683087865
e-mail: press@filo.it

56a edizione di Filo: un’attrazione fatale con Cittadellarte Fashion B.E.S.T.

COMUNICATO STAMPA

Sostenibilità, ri-utilizzo dei materiali, circolarità sono temi centrali per l’industria tessile e percorrono come un fil rouge tutta la 56a edizione di Filo.
L’incontro tra Filo e Cittadellarte Fashion B.E.S.T., con il suo ultimo progetto, appare quasi ineluttabile se si considerano le radici comuni – il territorio biellese – e gli intenti comuni – un’industria tessile più sostenibile, più attenta all’ambiente e alle persone e dunque capace di produrre materiali e capi ancora più belli. Ed è un incontro che si realizza su due momenti.

Per la 56a edizione di Filo Cittadellarte ha infatti ideato una grande installazione realizzata in collaborazione con un’azienda del territorio biellese – Vimar 1991: un Terzo Paradiso sospeso, realizzato facendo scendere i filati Vimar 1991. Posizionandosi nello spazio, l’installazione richiede l’attiva partecipazione e il coinvolgimento dello spettatore. Acquisisce un senso, infatti, solo se lo spettatore la attraversa e mette in comunicazione diverse cellule spaziali (dentro-fuori dallo stand, Lenzing-Vimar 1991, il Terzo Paradiso – il collettivo di Fashion B.E.S.T. e il quadro capo-spalla di Tiziano Guardini). Come tutti gli spazi di transizione, prende vita da chi si muove attraverso di essa.
Il secondo momento di incontro tra Filo e Cittadellarte è nell’ambito dei “Dialogo di Confronto”. Il 30 settembre alle ore 14, Olga Pirazzi, responsabile ufficio moda sostenibile di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, condurrà un dibattito con alcuni fashion designer che partecipano alla piattaforma Cittadellarte Fashion B.E.S.T. – tra gli altri, Bav Tailor e Marcello Pipitone – sui temi legati al progetto Awake! Il dibattito è nell’ambito dei “Dialoghi di Confronto” (https://filo.it/wp-content/uploads/2021/09/Dialoghi-di-confronto-2.pdf) che si tengono nella Networking Area del Salone.

Il progetto è Awake! Si concretizza in una performance nella quale si fondono moda, design e sostenibilità, con l’obiettivo, letterale, di “svegliare” lo spettatore nei confronti del tema della sostenibilità ambientale e del fashion system, realizzata in una cornice di archeologia industriale d’eccezione: la Fondazione Pistoletto a Biella.

Cittadellarte Fashion B.E.S.T. – l’acronimo sta per Better Ethical Sustainable Think-Tank – è un’officina operativa che, dal 2009, si dedica allo sviluppo della sostenibilità bio-etica nel settore tessile. Il suo laboratorio, frequentato da giovani stilisti selezionati, è incentrato su tre elementi costitutivi: il patrimonio di eccellenza produttiva sedimentato sul territorio biellese e riconosciuto nel mondo; la creatività artistica, componente essenziale di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto; l’impegno per un cambiamento della società in senso responsabile e sostenibile.

Vi aspettiamo alla 56a edizione di Filo il 29 e 30 settembre 2021 a MiCo – Milano Convention Centre!

Biella, 22 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori 55 – Milano
Tel.: 3396473377 – 3683087865
e-mail: press@filo.it

Alla 56a edizione di Filo, infatti, ITS TAM di Biella presenta la mostra Ricucire il futuro – Omaggio a Chanel.

COMUNICATO STAMPA

Sostenibilità, ri-utilizzo dei materiali, formazione sono temi centrali per l’industria tessile e percorrono come un fil rouge tutta la 56a edizione di Filo. È in questo contesto che prende vita una collaborazione speciale tra Filo e ITS TAM – Istituto Tecnico Superiore Tessile Abbigliamento Moda di Biella.

Alla 56a edizione di Filo, infatti, ITS TAM di Biella presenta la mostra Ricucire il futuro – Omaggio a Chanel.

Si tratta di un allestimento interamente ideato e sviluppato dagli studenti dell’ITS TAM di Biella: a cinquant’anni dalla morte, hanno voluto rendere omaggio allo stile di Coco Chanel, proponendo al contempo una riflessione e un’interpretazione su temi e problemi del presente.
I capi realizzati e la storia della loro genesi raccontano un lavoro di analisi, ricerca, comprensione e invenzione tradotto in creazioni che rivelano le competenze tecniche e il saper fare acquisiti dagli studenti, esaltando la bellezza dei tessuti e dei filati utilizzati. Gli studenti hanno scelto di lavorare su tre temi:

COCOONING: avvolgersi nel bozzolo per mitigare l’angoscia della pandemia. Lo stile Chanel declinato in tenute comode da casa ma perfette anche per uscire.

TIMELESS: manifesto contro lo spreco e le assurdità della moda usa e getta. La riscoperta del bello e della qualità, del capo eterno che dura nel tempo.

IMPERFETTI: il riciclo e il riuso come risorse per una moda nuova e sostenibile, interpretata con materiali pregiati ma di scarto. L’imperfezione come segno di unicità.

L’esposizione allestita a Filo permetterà al visitatore di scoprire il processo di studio, ideazione e di sintesi che ha portato alla realizzazione dei modelli esposti.

La direttrice di ITS-TAM Biella, Silvia Moglia, commenta: “Ricucire il futuro è nato dalla collaborazione tra Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e l’ITS TAM per celebrare le eccellenze del nostro territorio e allo stesso tempo raccontare lo sguardo dei giovani nei confronti dei problemi del nostro tempo. Per i nostri studenti è stata una magnifica occasione di confronto e di riflessione e anche l’occasione di sfruttare le competenze tecniche acquisite nei due anni di corso per la realizzazione di capi che siamo ora orgogliosi di mostrare a Filo”.

Paolo Monfermoso, general manager di Filo, afferma: “Siamo particolarmente lieti di ospitare a Filo la mostra di ITS-TAM Biella perché attraverso i capi in mostra abbiamo una prova concreta di come il passato possa essere una grande ispirazione per il tessile-abbigliamento di domani. E le alte capacità e competenze tecniche acquisite dagli studenti sono un segnale particolarmente confortante per il nostro settore, che di queste capacità e competenze ha bisogno per mantenere la sua identità e il suo ruolo nei mercati internazionali”.

La 56 edizione di Filo si svolge il 29 e 30 settembre 2021 a MiCo – Milano Convention Centre (via Gattamelata 5).

Biella, 22 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori 55 – Milano
Tel.: 3396473377 – 3683087865
e-mail: press@filo.it

Le fibre di Filo: Bemberg e ROICA by Asahi Kasei

COMUNICATO STAMPA

La 56a edizione di Filo dedica ampio spazio alle fibre. Un’attenzione particolare è riservata alle fibre man made di origine naturale e sintetiche, capaci di unire performance eccezionali a sostenibilità e tracciabilità.

Tra i produttori di fibre che partecipano alla 56a edizione di Filo, spicca il gruppo Asahi Kasei, leader mondiale nel settore. A Filo Asahi Kasei porta due delle sue produzioni di punta.

La prima, Bembergtm, è una fibra ottenuta dalla trasformazione smart-tech di linter di cotone pre-consumo e convertita attraverso un processo a ciclo chiuso tracciabile e trasparente. La storia di Bemberg inizia con la fodera di abiti di alta qualità, ma oggi possiamo ritrovare questo materiale in moltissime altre applicazioni: moda couture, capispalla, underwear, biancheria da letto e abbigliamento sportivo, dove la sua mano unica e la sua qualità incredibile sono particolarmente apprezzate.

La seconda fibra che Asahi Kasei propone a Filo è ROICAtm. Fibra stretch premium, ROICA ha saputo distinguersi nella moda, nell’intimo, nell’abbigliamento sportivo, nella calzetteria e nei tessuti grazie alla sua innovazione intelligente.

Alla 56a edizione di Filo Asahi Kasai non si limita a presentare materiali innovativi, ma è protagonista di tre “Dialoghi di Confronto” nella Networking Area del Salone.

Nel primo (29 settembre ore 16), intitolato “Il viaggio di Bemberg by Asahi Kasei verso una moda contemporanea, premium e responsabile”, Ettore Pellegrini, Marketing & Sales Manager Asahi Kasei Fibers Italia, discute con Giusy Bettoni, CEO e fondatrice C.L.A.S.S, di temi fondamentali per il futuro del tessile.

Nel secondo “Dialogo di Confronto” (30 settembre, ore 11) – The contemporary consumer: Stretch your imagination with ROICA by Asahi Kasei smart innovation” – Uwe Schmidt, Managing Director Asahi Kasei Spandex Europe, spiegherà la sostenibilità di ROICA, fatta di produzione e processi, soffermandosi su performance, obiettivi e progetti futuri, novità di prodotto e case histories raccontate attraverso i tessuti dei gruppi partner.

Nel terzo incontro (30 settembre, ore 16), Ettore Pellegrini e Giusy Bettoni riprendono il filo della discussione sulla qualità, sugli utilizzi e sulla tracciabilità della fibra Bemberg.

I “Dialoghi di Confronto” sono una delle novità più interessanti della 56a edizione di Filo. Qui (https://filo.it/wp-content/uploads/2021/09/Dialoghi-di-confronto-2.pdf) il programma completo degli incontri dei due giorni di fiera.

Vi aspettiamo alla 56a edizione di Filo il 29 e 30 settembre 2021 a MiCo!

Biella, 21 settembre 2021

Ufficio stampa e comunicazione
EA Team Elena Aravecchia
Via Muratori 55 – Milano
Tel.: 3396473377 – 3683087865
e-mail: press@filo.it

Back To Top