skip to Main Content
Il Ritorno Del “silent Luxury”

Il ritorno del “silent luxury”

Quale sarà l’impatto causato dal Covid-19 sulla moda e sul lusso? Se lo chiede il rapporto elaborato da McKinsey “A perspective for the luxury-goods industry during and after coronavirus”.

Prima della pandemia il valore del luxury era attorno ai 390 miliardi di euro e per il 2020 ci si aspetta una contrazione dal 15 al 40% perché non tutti i comparti risentono allo stesso modo della crisi. Tra i settori più colpiti, c’è Il ready to wear, con cali tra il 20 e il 40%.
Ci sarà una ripresa dei consumi nel settore luxury? Sì, ma con nuove regole. Per il 50% dei compratori, oggi lusso significa fare shopping in modo sicuro e insieme a persone fidate. Si privilegia dunque un modo di acquisto consapevole e pianificato, che parte da una preferenza verso i negozi piccoli per arrivare a una scelta di marchi evoluti sul fronte tecnologico e che trasmettono fiducia. “Quello che ci aspettiamo è un ritorno del silent luxury, cioè dell’attenzione verso quei brand che investono in lavorazioni dalla qualità artigianale e nella sostenibilità” ha concluso Antonio Achille, senior partner e global head of luxury di McKinsey.

 

Biella, 24 Giugno 2020

Back To Top