skip to Main Content
L’Inail Fa Chiarezza Sulla Responsabilità Dei Datori Di Lavoro

L’Inail fa chiarezza sulla responsabilità dei datori di lavoro

L’Inail ha pubblicato la sua circolare 22/2020 nella quale offre “chiarimenti su alcune problematiche sollevate in relazione alla tutela infortunistica degli eventi di contagio da coronavirus”.

La circolare Inail fa riferimento all’articolo 42 del decreto legge “Cura Italia”, per il quale l’infezione da Covid-19 è tutelata dall’Inail quale infortunio sul lavoro
Nella circolare si sottolinea come il riconoscimento dell’origine professionale del contagio si fondi su un giudizio di ragionevole probabilità e sia totalmente avulsa da ogni valutazione in ordine alla imputabilità di eventuali comportamenti omissivi in capo al datore di lavoro che possano essere stati causa del contagio. Non possono, perciò, confondersi i presupposti per l’erogazione di un indennizzo Inail con i presupposti per la responsabilità penale e civile, che devono essere rigorosamente accertati con criteri diversi da quelli previsti per il riconoscimento del diritto alle prestazioni assicurative. In questi casi, infatti, oltre alla rigorosa prova del nesso di causalità, occorre anche quella dell’imputabilità quantomeno a titolo di colpa della condotta tenuta dal datore di lavoro. L’Inail ribadisce quindi che la responsabilità del datore di lavoro è ipotizzabile solo in caso di violazione della legge o di obblighi derivanti dai protocolli e dalle linee guida governativi e regionali, di cui all’articolo 1, comma 14 del decreto legge16 maggio 2020, n. 33.

 

Biella, 24 Giugno 2020

Back To Top