skip to Main Content
FiloFlow, Sostenibilità E Tracciabilità Secondo Filo

FiloFlow, sostenibilità e tracciabilità secondo Filo

Una certezza che caratterizzerà gli scenari post-pandemia è l’importanza della sostenibilità e della tracciabilità. Filo ha già da tempo avviato FiloFlow, il suo progetto sostenibilità. Alla 54a edizione di Filo – in programma il 7 e 8 ottobre 2020 al MiCo Convention Centre di Milano i prodotti delle aziende che hanno aderito a FiloFlow avranno una vetrina dedicata in un’Area Tendenze specifica.

FiloFlow, il progetto sostenibilità lanciato da Filo, ha l’obiettivo di accrescere la sensibilità delle aziende verso la realizzazione di sistemi di produzione e prodotti sostenibili, sia sotto il profilo ambientale che etico-sociale. E, allo stesso tempo, vuole dare visibilità e valorizzare i processi di produzione e i prodotti sostenibili realizzati dagli espositori di Filo.
Per l’edizione di ottobre 2020 Filo punta ad ampliare il numero delle aziende che aderiscono al progetto. Si parte però da dati già lusinghieri: alla prima fase del progetto ha aderito infatti il 53% degli espositori di Filo. L’85% di loro utilizza anche materie prime originate da riciclo, pre e post-consumo, biomateriali. Sotto il profilo della tracciabilità di filiera, il 98% usa materie prime di origine certificata. Il 76 per cento delle aziende nell’ultimo anno ha acquistato (o deciso di acquistare) nuovi macchinari che riducono i consumi di energia o acqua e in generale l’impatto ambientale. E infatti il 78% delle aziende dichiara di consumare meno energia rispetto al passato mentre il 79% ha diminuito il consumo di acqua. Il chemical management è una questione che riguarda in particolare le tintorie: tra quelle che hanno aderito a FiloFlow, il 92% ha ottenuto una certificazione. Il 73% delle imprese ha iniziato un percorso che le porta a riutilizzare o riciclare internamente gli scarti di lavorazione; il 75% li rivende ad altre attività manifatturiere.
Sotto il profilo etico-sociale, il 73% delle aziende ha introdotto piani di formazione continua dei propri dipendenti; il 42% ha un sistema di misurazione della soddisfazione dei dipendenti e il 63% ha realizzato un proprio sistema di welfare.
C’è molta attenzione anche verso i fornitori: il 73% delle aziende ha predisposto un sistema di certificazione e monitoraggio dei propri fornitori, che nel 76% dei casi si basa su indicatori condivisi dagli stessi fornitori.
Il 90% delle aziende ha nominato un responsabile della sostenibilità.

 

Biella, 10 Giugno 2020

Back To Top