skip to Main Content

LA BOLLETTA ENERGETICA PREOCCUPA IL SISTEMA MODA

Gli aumenti dei costi dell’energia – per l’elettricità si calcola tra il + 470% e il +650% rispetto ai valori 2020, mentre per il gas si arriva a circa +830% – mettono a rischio l’attività di tutti i settori energivori, tra cui spicca il tessile-abbigliamento.

Le conseguenze per la filiera del tessile-abbigliamento arrivano dalle possibili ricadute sulla produzione industriale, con una possibile perdita di competitività sui mercati internazionali. Va poi tenuto conto che molte aziende sono già state messe duramente alla prova negli ultimi due anni dalla pandemia e solo ora il settore vede segnali di ripresa grazie alle esportazioni.
Sistema Moda Italia ritiene dunque opportuni immediati interventi da parte del Governo in soccorso della seconda manifattura del paese, per salvaguardare 50 mila imprese e 400 mila addetti. In particolare, Smi chiede di fermare la speculazione che è l’origine primaria degli aumenti, anche attraverso il ricorso alle riserve strategiche nel breve termine e successivamente ad acquisti comunitari.

 

Biella, 12 Gennaio 2022

Back To Top