skip to Main Content

IL LINO D’ITALIA DEL LINIFICIO E CANAPIFICIO NAZIONALE

Linificio e Canapificio Nazionale Srl società benefit da quasi 150 anni è leader mondiale nella produzione ad alta sostenibilità di filati di lino e canapa unici e raffinati.

I filati del Linificio sono acquistati oggi dalle tessiture di tutto il mondo per la creazione di stoffe di elevato pregio, adoperate nei settori dell’abbigliamento, arredamento, arredo casa, ma anche in settori tecnici, ad esempio per la produzione di tele per pittura o vele, come quelle realizzate con i filati di lino e canapa prodotti da Linificio e utilizzate dalla nave scuola Amerigo Vespucci.
Di recente il Linificio ha inoltre aperto a nuove applicazioni con L!NCREDIBLE®, il filato utilizzato per ottenere imballaggi biodegradabili e compostabili per frutta e verdura, in partnership con KUKU International Packaging, riducendo l’eventuale impatto sull’inquinamento dei mari.
L’approccio attento e rigoroso, che combina rispetto per la tradizione, impegno per la tutela dell’ambiente e creatività, a cui si associa anche un’energica spinta innovativa, da dicembre 2021 è diventata un impegno pubblico e ufficiale: Linificio ha cambiato statuto e è diventato una “società benefit”. Un vero e proprio «patto sociale» stretto con la comunità, il territorio e l’ecosistema naturale.
Le società benefit rappresentano un’evoluzione del concetto stesso di azienda: integrano nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera.
Date le complesse sfide da affrontare, Linificio ritiene che per costruire una sostenibilità concreta, nessuna azienda può più permettersi di ragionare come una singola cellula. Anche per questo motivo, grazie alla partnership con Terre de Lin e agricoltori locali, ha riportato in Italia la coltivazione del lino realizzando il primo filato coltivato nel nostro paese secondo standard elevatissimi: è Il lino d’Italia, presentato in esclusiva alla 58a edizione di Filo.

www.linificio.it

 

Biella, 2 Settembre 2022

Back To Top